CIMA DEL SASSONGHER (2665M)


Proponenti: Carlo Roncari – Vanni Lucchini  
Difficoltà: EEA
Dislivello: 950 metri.
Percorrenza: 6 – 7 ore.
Attrezzatura: da escursione di  media montagna.
Partenza: ore 5:30 in auto dalla sede C.A.I. (pranzo al sacco).

Descrizione:

Il monte Sassongher è la cima che più di tutte rappresenta Corvara in Badia. Dalla sua vetta si gode di uno dei più beipanorami di tutte le Dolomiti. La partenza di questo itinerario è a Colfosco in Alta Badia. Poco oltre la funivia, sulla destra parte il facile sentiero CAI 3, che in breve, facendoci godere di bellissimi scorci su Corvara e Colfosco, intervallati da tratti nel bosco, ci conduce al rifugio Utia de Col Pradat. Al rifugio si procede verso nord, incrociando il sentiero che sale da Pescosta, per un lungo tratto tra i mughi in direzione di Forcella de Ciampei. A quota 2104m si incrocia il bivio per il Sassongher, e si inizia a salire in direzione della evidente cima. Si passano dei gradono rocciosi e una facile e ampia cengia, per portarsi nei pressi di Forcella di Sassongher che andiamo a raggiungere. SI risale la spalla che scende dalla cima, facilitati da alcuni tronchi di legno posti sul sentiero, si passa su una piccola sella, adiacente al tratto attrezzato, ma
non particolarmente difficile, che consente di superare un breve salto roccioso. Usciti da questo tratto, il sentiero, compie alcuni tornanti e ritorna ad essere ampio e facile fino alla cima. Per il ritorno si segue lo stesso itinerario dell’andata, ma anzichè passare per il Rifugio Col Pradat, si scende in Baita Edelweiss, e da qui al punto di partenza.